Gatti anallergici: tutta la verità

Se stai cercando di scoprire la verità sui gatti anallergici, sei nel posto giusto!

Immagina di star parlando con un tuo amico di allergie ai gatti.

Gli dici che pensi sia ingiusto il fatto che devi continuamente sorbirti i sintomi mentre invece lui sta bene.

Ti senti frustrato in quanto il tuo amico può tranquillamente giocare con il proprio gatto, mentre tu non puoi nemmeno starci nella stessa stanza senza prendere delle medicine o stare male.

E questo ti rattrista in quanto ami i gatti da morire.

Preso da compassione, il tuo amico decide di aiutarti a svolgere qualche ricerca sulla possibilità di avere un gatto finalmente tutto tuo.

Dopo qualche ricerca, ti si accende la lampadina quando improvvisamente ti imbatti nel mito dei gatti anallergici.

"Questa è la risposta!" Entrambi pensate.

Ma frena un attimo, Signor voglio un gatto tutto mio.

I gatti anallergici sembrano essere solo una leggenda.

Continua a leggere per scoprire di più!

Pelo lungo = più allergeni?

I gatti dal pelo lungo possono essere sicuramente molto belli e teneri. La maggior parte delle persone ama accarezzare un gatto dal manto soffice e ben curato. L’unica pecca di accarezzare un gatto è trovare poi i suoi peli ovunque! Ma non è il pelo lungo che causa l’allergia.

Nota: scoprirai che una delle razze considerata anallergica in realtà ha il pelo lungo!

Più peli significa solo più possibilità di diffondere gli allergeni che già esistono.

Perché le persone sono allergiche ai gatti?

Uno degli equivoci più comuni sulle reazioni allergiche ai gatti è che è tutto per colpa dei peli.

Non è esattamente corretto. Anche se i peli giocano un ruolo importante, non è l’unico fattore ad entrare in campo.

Secondo ricerche scientifiche, i gatti producono una proteina unica che nessun altro animale produce.

Questa è chiamata ‘Fel d1’, l’allergene che causa tutte quelle reazioni super fastidiose.

Ma, non siamo qui per approfondire la scienza che sta dietro.

Sappiamo infatti che siete solo curiosi dei gatti, e se non altro, volete vedere qualche foto carina.

Ed è per questo che ne abbiamo messa una, solo per voi.

Finito il momento foto, continuate a leggere per scoprire di più sul mistero dei gatti anallergici.

Come i gatti diffondono gli allergeni

Abbiamo elencato i 3 modi più comuni per la diffusione degli allergeni:

  1. La proteina Fel d1 si trova nella saliva del gatto. Quando i gatti puliscono il proprio pelo utilizzando la lingua, la saliva si deposita sul questo, si asciuga ed evapora, diffondendosi nell’aria.

  2. È abbastanza comune vedere un gatto camminare e strusciarsi su qualsiasi cosa. Anche se ai nostri occhi sembra un gesto tenero ed affettuoso, in realtà stanno riempendo tutto di peli ed allergeni. Questo è il motivo per il quale molte persone possono star male anche quando il gatto non è presente. È lo stesso principio dell’evaporazione della saliva, elaborato nel punto 1.

  3. Quando accarezziamo il gatto, le nostre mani sono in diretto contatto con gli allergeni, specialmente poi se il gatto ti lecca! Questo significa che noi stessi siamo il mezzo di trasporto di questi allergeni (lo ammetto, anch’io sono colpevole!).

10 razze di gatti anallergici

Come appena scoperto, i gatti anallergici sono solo una credenza popolare.

Tuttavia, ci sono alcune razze più adatte a coloro che sono allergici ai gatti:

  1. Oriental Short Hair
  2. Cornish Rex
  3. Devon Rex
  4. Balinese
  5. Siberiano (pelo lungo, no problem!)
  6. Giavanese
  7. Sphynx
  8. Blu di Russia
  9. Bengala
  10. Burmese